• lamiacucinaimperfe

BRASATO AL BAROLO



Le domeniche non potrebbero essere più gustose di così!!!


INGREDIENTI

1 kg di cappello del prete (manzo o vitello)

2 carote

1 cipolla dorata

2 coste medie di sedano

2 foglie di alloro

1 rametto di rosmarino

1 bottiglia di Barolo

4 grani di pepe nero

15 gr di burro

olio evo q.b.

sale q.b.


PROCEDIMENTO

In una ciotola capiente ponete il cappello del prete insieme a sedano-carota-cipolla (tagliati a pezzi), le erbe aromatiche e il pepe in grani. Versate il fino rosso fino a copertura totale della carne.

Ricoprite con la pellicola trasparente e ponete in frigorifero per almeno 8-12 ore.

Trascorso il tempo scolate (senza buttare via il fondo), prendete la carne e asciugatela con della carta assorbente.

In una pentola dai bordi alti fate sciogliere il burro con un giro d'olio a fuoco dolce. Quando sarà ben caldo aggiungete la carne e sigillatela su ogni lato fino a formare la crosticina.

Dopodiché unite le verdure e fate insaporire per circa 15 minuti.

Salate e pepate a piacimento, e ricoprite a metà la carne con la sua marinatura (tenetene da parte un po').

Fate cuocere a fuoco dolce per 1 ora con il coperchio. Trascorso il tempo rigirate di tanto in tanto la carne. Se dovesse servire aggiungete ancora un po' di marinatura al vostro brasato e fate cuocere per un'altra ora.

Una volta cotto, togliete gli aromi e con un mixer ad immersione frullate le verdure (se non avete il mixer ad immersione potete usare il frullatore).

Ora non vi resta che affettare la carne e servirla con la salsa ottenuta.









0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
  • Black Instagram Icon
  • Nero Facebook Icon
  • Black Icon Pinterest

© 2020 Claudia de Nicola.

All rights reserved

SEGUIMI

SCRIVIMI

NEWSLETTER

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.